Home
 Blog 
 Smaltimento dell'olio esausto 

Perché la pigrizia non ci porterà lontano

L'olio è forse una delle cose più scomode da riciclare: esso va raccolto in contenitori appositi, conservato in casa e poi portato presso il più vicino eco-centro per il corretto smaltimento. Ma cosa succede se non lo facciamo?


Dall'olio delle scatolette di tonno fino a quello usato per la frittura, l'olio vegetale impiegato per la conservazione e la cottura degli alimenti è molto dannoso se disperso nell'ambiente o nei tubi di scarico. Pensate che un solo litro d'olio può inquinare un milione di litri d'acqua e causare diversi altri danni ambientali, tra cui l'impoverimento delle sostanze nutritive del terreno, fonte vitale delle piante che producono il nostro ossigeno.


Per questo è necessario mettere la pigrizia da parte e smaltire tutto l'olio di scarto che produciamo, permettendone il riutilizzo. Proprio così: se trattato in maniera adeguata l'olio può trovare una seconda vita diventando la base di molti prodotti: saponi, collanti, biodiesel e molto altro. Che aspettate? Armatevi di contenitori in plastica e date ai vostri olii di scarto una nuova vita!

Sei interessato a uno dei nostri servizi? Contattaci!

Smaltimento dell'olio esausto
Per offrirti una migliore esperienza questo sito utilizza cookie tecnici ed a fini statistici e di marketing.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per saperne di più e modificare le tue preferenze consulta la nostra cookie policy. Clicca qui per modificarla o Clicca qui per chiuderla.